Autore Topic: INVITO : "guardiamo la città con occhi di donna" 11 aprile Bergamo  (Letto 452 volte)

vani

  • Newbie
  • *
  • Post: 47
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
guardiamo la città  con occhi di donna

11 APRILE 2014 - ORE 20.30

presso Centro La Porta, viale Papa Giovanni XXIII n. 30, Bergamo



 

Presentazione di proposte per la città

elezioni comunali 2014

 

Le donne (e non solo) sono invitate a partecipare, a conoscere e a condividere.

 

donneperbergamo@gmail.com



Presentazione di proposte per la città, in vista delle elezioni comunali 2014

Le donne (e non solo) sono invitate a partecipare, a conoscere e a condividere

Donne per Bergamo

https://www.facebook.com/pages/Donne-per-Bergamo-x-Bergamo-per-le-Donne/715972405113874


Ma come si fa a guardare qualcosa lasciando da parte l’io? Di chi sono gli occhi che guardano? Di solito si pensa che l’io sia uno che sta affacciato ai propri occhi come al davanzale di una finestra e guarda il mondo che si distende in tutta la sua vastità lì davanti a lui. Dunque: c’è una finestra che s’affaccia sul mondo. Di là c’è il mondo; e di qua? Sempre il mondo: cos’altro volete che ci sia? Con un piccolo sforzo di concentrazione Palomar riesce a spostare il mondo da lì davanti e a sistemarlo affacciato al davanzale. Allora, fuori dalla finestra, cosa rimane? Il mondo anche lì, che per l’occasione si è sdoppiato in mondo che guarda e mondo che è guardato. E lui, detto anche “io”, cioè il signor Palomar? Non è anche lui un pezzo di mondo che sta guardando un altro pezzo di mondo? Oppure, dato che c’è mondo  di qua e mondo di là della finestra, forse l’io non è altro che la finestra attraverso la quale il mondo guarda il mondo.(da Palomar, di Italo  Calvino )




Donne per Bergamo, Bergamo per le donne
la città che noi vogliamo, le nostre proposte


L'iniziativa è partita a settembre 2013 da due associazioni di donne presenti già nella nostra città :
- “SeNonOraQuando? Bergamo” e
- “Politeia- Laboratorio donne e politica”
 che si occupano della città per sostenere e promuoverne
una vivibilità a misura di donne.

L'obiettivo di questa iniziativa è stato quello di
- preparare un documento-manifesto che, proprio a partire dai bisogni, dalle necessità e dai desideri delle donne che nella città abitano, vivono, lavorano, si muovono  e
-presentare proposte utili a rendere Bergamo una città che offra a tutte (e tutti) benessere e qualità della vita.
Affinché questo documento sia significativo, siamo convinte che debba raccogliere le voci di tutte le donne nei loro vari ruoli (di single, di madri con figli di età diverse, di generazioni diverse, di locali e straniere, di lavoratrici dentro e fuori casa), perché ognuna chiede alla città di rispondere positivamente a bisogni diversi e concreti.

Noi donne attiviste e impegnate politicamente a  Bergamo siamo state coinvolte a partecipare a questo lavoro condiviso con le altre donne che trasversalmente partecipano alla vita politica nella nostra città.


Sono stati trattati i  temi della cura, dei tempi, della mobilità, della sicurezza ,approfonditi e rilanciati con forza non solo durante il periodo della campagna elettorale, ma con il preciso obiettivo che entrino a far parte del programma amministrativo di chi governerà la nostra città.

Il documento verrà poi proposto ufficialmente ai candidati/candidate sindaci/sindache e presentato a tutta la città
in un ulteriore incontro pubblico il pomeriggio del 17 maggio 2014 al Quadriportico del Sentierone


Nostro desiderio è che questo lavoro che abbiamo intrapreso raccolga ed esprima la voce del maggior numero possibile di donne e che sia un impegno preciso per chi andrà a governare prossimamente la nostra città.

Vi  aspettiamo  numerosi/e


( resto a disposizione per informazioni, Vanila   vanilagotti@gmail.com )