Confidi lombardi: cambiano le regole in corsa per regalare soldi agli amici!

Qualche mese fa in un post su questo blog contestavo il bando istituito dalla Giunta che forzava i confidi lombardi ad unirsi sotto la regia di quelli più grandi, fregandosene del fatto che fossero proprio i confidi più grandi ad aver ricevuto maggiori finanziamenti pubblici negli anni a fronte di performance peggiori in termini di erogazione di prestiti alle imprese. Questo a discapito dei piccoli confidi, che meglio conoscono il territorio e le imprese che lo compongono e che per concedere una garanzia vanno oltre i parametri esclusivamente economici basandosi anche sulla conoscenza diretta dell’impresa o dell’imprenditore e garantendo quindi maggiori erogazioni in rapporto al loro patrimonio.

Oggi, a un giorno dalla chiusura del bando, alla porcata iniziale se ne aggiunge una seconda: siccome i piccoli confidi non hanno ceduto al ricatto e si sono aggregati per raggiungere il punteggio richiesto dal bando, ecco che la Giunta sospende il bando e lo riapre con regole nuove. Insomma, fallito il primo tentativo, si cambiano le regole in corsa per tornare a favorire i grandi confidi amici. Nello specifico, il nuovo bando inserisce un’ulteriore premialità per le fusioni, nella consapevolezza che a volersi fondere in un unico grande confidi sono soltanto i più grandi.

Al riguardo ho depositato oggi una mozione che impegni la Giunta ad attivare in Commissione IV un tavolo di lavoro che coinvolga tutti i soggetti interessati e dove la Giunta stessa llustri le ragioni che l’hanno portata a tale iniziativa. Ho richiesto inoltre di trovare soluzioni extragiudiziali ai procedimenti giudiziari in corso, per non ritardare ulteriormente l’erogazione del credito alle imprese lombarde.

14. ottobre 2014 by Dario Violi
Categories: In Regione | Tags: , , , , , | Leave a comment

Leave a Reply