Chi si è arroccato sull’Aventino?

Caro Azimonti, se qualche volta come M5S abbiamo commesso l’errore di arroccarci sull’Aventino, non è di certo questo il caso.

La scelta di uscire dal tavolo sui costi della politica è stata dettata dalla constatazione che nessuno a quel tavolo aveva la benché minima intenzione di ascoltare la nostra proposta. Tutto è già stato deciso e il tavolo serve davvero a mascherare l’Aventino su cui la politica dei partiti si è arroccata, al riparo dai cittadini e dai giornalisti poco esperti o poco accorti.

Raccolgo invece con interesse la proposta di seguire l’esempio svizzero di porre un tetto alla retribuzione dei manager pubblici e mi attiverò in tal senso, proprio perché non sono arroccato sull’Aventino.

11. maggio 2013 by Dario Violi
Categories: Blog | Tags: , , , | 2 comments

Comments (2)

  1. Bravo Dario, la proposta Svizzera la vedo un ottima cosa, inoltre i nostri manager spesso non hanno le competenze e detengono la poltrona solo per favoritismi politici. Inoltre io non mi fermerei al settore pubblico ma estenderei il tetto al privato che chiede sovvenzioni statali o utilizza gli ammortizzatori sociali perché questi stipendi che gridano allo scandalo sono spesso causa della messa in liquidazione della società.

Leave a Reply