Dalmine, Primo piano

Imbarazzo? Sicuramente PD

E’ da qualche settimana che non scrivevo qualche riga ed ho pensato di farlo ora.

Approfitterò di questo spazio per spiegare (almeno proverò) cosa mi frulla per la testa da ieri sera (23 ottobre 2014). La data è, quella del consiglio comunale di Dalmine avvenuto nella sala consiliare di Piazza Libertà.

Doverosa una piccola cronistoria così da capire meglio i fatti:

– Punto n° 4 dell’odg è la Mozione Decoro Urbano da noi presentata

– Il consigliere di “Nostra Dalmine” Fabio Tiraboschi propone una contromozione e dopo un paio di minuti di sospensiva si provvede ad emendare la mozione da noi presentata con una variazione.

E qui comincia il “bello” della serata….credevo (e credo) nella bontà della mozione (un software gratuito e già utilizzato da 3 milioni di italiani per segnalare al proprio comune situazioni di degrado urbano) perchè vedevo (e vedo ancora) la possibilità di far interagire meglio i cittadini con l’amministrazione e perchè sono sicuro di una cosa: i dalminesi sono i nostri datori di lavoro ed hanno tutto il diritto di controllare l’operato di coloro che amministrano il nostro comune. 

Ma tant’è che arrivano le critiche della maggioranza (dalla minoranza solo apprezzamenti), critiche che definirle ridicole è ancora troppo rispettoso; il consigliere Brunelli (PD) afferma che “io e lei viviamo in due paesi diversi” perchè non vede a Dalmine criticità come quelle presenti nella mozione (Sul territorio comunale si evidenziano diverse situazioni di incuria, scarso decoro urbano e segni di
inciviltà quali strade dissestate, spazi verdi trascurati, segnaletica stradale carente, rifiuti
abbandonati, arredo urbano deturpato da atti vandalici, affissioni non autorizzate, etc. etc.) ma anzi, chi entra nel nostro comune da Viale Locatelli può godere di uno splendido viale. La perla però arriva dal consigliere Carrara che spiega le sue perplessità della nostra azione. Il capogruppo del PD si sofferma sul fatto che, per esempio, in Cina possano vedere le strade dissestate di Dalmine e che quindi non sia una buona cosa. Altra tesi degna di nota è la constatazione del fatto che un 30-40% di dalminesi che non utilizzano internet, per cui è inutile integrare ciò che già esiste (piccione viaggiatore, telegrafo etc. etc.) con una tale forma di modernizzazione.

Personalmente, prima di entrare in consiglio, avevo pensato a tutto tranne ad una serie di assurdità come quelle elencate dalla maggioranza per giustificare la bocciatura della nostra proposta. Credo che amministrare un comune sia cosa molto impegnativa (ma lo sapevate quando vi siete presentati alle elezioni?) ma che nascondere le vostre mancanze non sarà di certo producente. Sicuramente, a lungo andare, vi si torcerà contro carissimi esponenti della maggioranza e della Giunta perchè i cittadini avranno sempre le informazioni richieste riguardo al vostro operato e le avranno dagli esponenti della minoranza che ancora credono in un rapporto onesto con i dalminesi.

Ultimo piccolo “sfogo” nei confronti del consigliere Mola; se crede fermamente in quello che ha dichiarato nella seduta di ieri sera, allora ci sono dei seri problemi da risolvere e noi, consiglieri di minoranza, dobbiamo preoccuparci per l’arrivo, anche a Dalmine, della malattia che a contagiato la capitale: la renzite acuta!

Conclusione: continueremo a fare opposizione onesta e costruttiva perchè abbiamo il dovere di migliorare Dalmine e la vita dei dalminesi e lo faremo nonostante faranno di tutto per demoralizzarci con frasi ed atteggiamenti che di democratico non hanno nulla…ma proprio nulla.

P.S. Volevo dedicare queste foto a tutti coloro che, come me, credono di vivere in un paese con “qualche problemuccio” di degrado e che vorrebbero trasferirsi in casa Brunelli.

Manuel Steffenoni Grandi

Consigliere Comunale M5S Dalmine

degrado 1degrado 2

 

About admin

No information is provided by the author.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *